Parken Stadion with biometric fingerprint

I tifosi del Brondby fermano l’introduzione dei biglietti con le impronte digitali

Questo e’ quello che puo’ essere raggiunto se i tifosi sono uniti: con un boicottaggio, imponente e di grande successo, del derby del 20 marzo scorso contro il Copenhagen FC ed altre iniziative collaterali, i tifosi del Brondby IF, squadra che gioca il campionato danese, sono riusciti ad evitare l’introduzione dell’obbligo delle impronte digitali sui biglietti per le loro partite.

 

Il 15 febbraio 2011 il Brondby IF aveva dichiarato che i tifosi intenzionati ad acquistare un biglietto di settore ospiti per l’imminente derby in trasferta contro il Copenhagen, al Parken Stadium, avrebbero dovuto lasciare le proprie impronte digitali. La risposta dei supporters del Brondby non si era fatta attendere: lo stesso giorno gruppi di tifosi avevano annunciato che avrebbero boicottato la partita in segno di protesta contro l’introduzione di questo nuovo tipo di sistema che si spingeva troppo in la’e che stigmatizzava, in modo collettivo ed ingiustificabile, tutti i tifosi del Brondby come se fossero da trattare come dei criminali.

All’interno delle loro attivita’ di protesta, i tifosi del Brondby avevano organizzato una serie di eventi per il fine settimana del derby, al fine di creare utili alternative per tutte le persone intenzionate a partecipare al boicottaggio della partita. Come cosa principale, gli Alpha Brondby (gruppo di tifosi della curva) avevano fatto partire un’imponente campagna mediatica, facendo si’ che il boicottaggio avesse, fino al giorno della partita, una grande e positiva copertura mediatica in tutti i principali giornali  e, tramite le tre maggiori televisioni nazionali, nell’area della capitale Copenhagen.Parken Stadion Brondby Fans' Sector during the Match

Il primo segnale di successo e’ arrivato prima del previsto… Gia’ qualche giorno prima della partita, il Brondby IF dichiarava ufficialmente che, nelle partite successive, avrebbe rinunciato alla necessita’ di avere le impronte digitali. La ragione di questo cambio di rotta era ovvia: avevano venduto solo 150 biglietti di settore ospiti invece dei soliti 3200.

Durante tutto il periodo della prevendita, la fanzine online del Brondby ha pubblicato una serie di interviste, con politici ed esperti, riguardo l’argomento. A prevendita chiusa gli Alpha avevano offerto, a tutti coloro che avevano acquistato un biglietto, la restituzione dello stesso in cambio di 5 pinte di birra al campo di allenamento il giorno prima del derby.

E la strategia di protesta ha dato i suoi frutti: sabato 19 marzo piu’ di 1000 supporters del Brondby si sono presentati all’ultimo allenamento della squadra prima dell’incontro cantando e festeggiando come se il derby si stesse giocando in quel momento, ed il giorno dopo, giorno della partita, 1500 tifosi del Brondby sono andati al Brondby Stadium per incoraggiare e festeggiare la propria squadra e sostenerla fino a quando questa non e’ partita per raggiungere il Brondby Fans' celebrating their team at the last training session before the derby matchParken Stadium.

Uno dei membri dell’Alpha Brondby ci ha detto: “Dopo che la squadra ha lasciato il Brondby Stadium, ci siamo  messi in marcia verso la stazione per prendere il treno per Copenhagen ed andare a vedere la partita tutti insieme in 4 bar del centro di Copenhagen. Li’ abbiamo trovato altri 500 tifosi che ci stavano gia’ aspettando! E quando alla fine del primo tempo eravamo in vantaggio per 1 a 0, il weekend sembrava perfetto. Naturalmente abbiamo perso 3 a 1, un classico per il Brondby… Ma allo stesso tempo abbiamo vinto la nostra battaglia per i diritti dei tifosi!”

E ancora meglio: nonostante ci fossero 2000 tifosi del Brondby nelle strade di Copenhagen , dove hanno acceso diverse torce e fumogeni, non si sono registrati incidenti o arresti legati alla protesta dei tifosi.

Contatti

Football Supporters Europe eV

Koordinationsbüro

Postfach 30 62 18
20328 Hamburg
Germany

Tel.: +49 40 370 877 51
Fax: +49 40 370 877 50
Email: info@fanseurope.org

Colophon